28 Lug 10 errori da non fare quando andiamo in bicicletta

Raggiungere l’ufficio in bicicletta – per chi non abita troppo distante dal lavoro – può essere un vero e proprio toccasana per portafoglio e salute: l’auto rimane in garage, l’ambiente prende un respiro di sollievo, il fisico si tonifica e anche il conto in banca ringrazia! Eppure anche la bici richiede un comportamento impeccabile in strada, per evitare di incorrere in pericoli per sé stessi e per chi ci circonda. Ecco una lista dei 10 errori che commettiamo più di frequente quando siamo a bordo della nostra due ruote. Scorriamola insieme.

1) Pedalare mentre ascoltiamo musica da cuffie o auricolari
Raggiungere il lavoro ad ampie pedalate caricandoci con “Eye of the tiger” o “Born to be Wild” può aiutarci ad affrontare la giornata con un nuovo spirito, ma non è la cosa migliore da fare.

La musica sparata nelle orecchie potrebbe impedirci di sentire i rumori della strada, fondamentali per la sicurezza.

2) Non avere un sistema di illuminazione adeguato
Questo vale soprattutto per chi pedala di notte. Una bicicletta che non si vede è un pericolo ambulante, per chi la guida e per gli automobilisti e i pedoni che la incrociano. L’equipaggiamento obbligatorio dal Codice della Strada prevede luci e catarifrangenti anteriori e posteriori, campanello e giubbino catarifrangente. Ricordiamocelo.

3) Non indossare il casco
Non è obbligatorio, ma in molti casi può salvare la vita, specialmente se il nostro percorso prevede strade molto trafficate. Cerchiamo poi di scegliere quello più adatto alla nostra taglia e di indossarlo correttamente.

4) Fare zig zag in mezzo al traffico
Niente di più pericoloso. La bici ci offre un’agilità notevole, certo, ma è fondamentale rimanere sempre e comunque sulla destra della carreggiata.

5) Cambiare strada o corsia senza preavviso
Gli automobilisti che ci sfrecciano accanto non sono veggenti. Se decidiamo di cambiare corsia o se dobbiamo svoltare in qualche direzione, è buona regola indicarlo con le braccia. Come ci hanno insegnato da piccoli.

6) Non rispettare segnaletica e semafori
Una bici è un mezzo a tutti gli effetti. Quindi, quando siamo in sella, non sentiamoci legittimati a infischiarcene del semaforo rosso o a imboccare le strade contromano. Anche in questo caso i rischi possono essere notevoli per tutti.

7) Fare lo slalom tra i pedoni sul marciapiede
Molto semplicemente è da criminali. Perché il marciapiede è fatto per chi cammina, e una bicicletta che vi sfreccia sopra a tutta velocità non è tollerabile. La mancanza di una pista ciclabile e il traffico non sono buone scuse per comportamenti irrispettosi.

8) Andare in due in bicicletta
Già di per sé è pericoloso. Se poi il secondo passeggero è un bambino, la situazione è ancora più delicata: genitori e accompagnatori devono assolutamente munirsi di un seggiolino perfettamente ancorato, per garantire la sicurezza del minore.

9) Dimenticare la manutenzione
Anche la bici è una macchina. Proprio come accade per l’auto, anche in questo caso freni, gomme e ruote devono essere controllati periodicamente.

10) Parcheggiare in spazi non idonei
Trovare un posto per la bicicletta può essere relativamente semplice. Cerchiamo dunque di non occupare spazi riservati alle persone disabili o di non abbandonare il nostro mezzo in posizioni che potrebbero intralciare il traffico o l’uscita di altri veicoli dai loro portoni. La rastrelliera, quando presente, resta sempre la scelta migliore. 

fonte: GQItalia.it

Share
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone